Che cos’è un’Artista?

Questa sera sono stato ad una mostra/esposizione presso la nuova Triennale di Milano Bovisa.
Non sò bene che dire, la cosa mi ha lasciato pò… stranito.. forse dovrei dire deluso.

Oddio, forse sono io che non capisco l’arte concettuale… ma qualcuno mi deve spiegare seriamente che cosa mi rappresenta il prendere a martellate un pezzo di gesso, piuttosto che della polvere di gesso stesa in riga sopra di uno specchio con scritto “oggi offro io”.

Non riesco a capire quale fosse l’obbiettivo di questa mostra, l’obbiettivo di quelle opere e di quelle persone che mi stavano attorno.

Tornando a casa con Sam ci siamo messi a discutere su queste sensazioni che avevo avuto e che, in parte, anche lui condivideva.
Più ne parlavamo e più mi rendevo conto che oggi giorno si tende a nominare artista una persona creativa, ma è tutto così semplice? ad uno basta svegliarsi una mattina con una bella idea e buttarla giù e farsi chiamare artista?

Nella foga della discussione ho parafrasato una frase di Amici Miei sul concetto di Genio (inteso come Artista nel mio caso)

Cos’è il genio? È Fantasia, osservazione, intuizione e capacità di esecuzione!

Fantasia, la capacità di vedere il mondo fuori dagli schemi comuni, fantasticare come si fa da bambini.
Osservazione, la capacità scompore l’insieme per andare alla ricerca di ogni dettaglio che caratterizza l’osservato.
Intuizione,  la capacità di cogliere il dettaglio che sa trasmettere le emozioni più forti.
Capacità di esecuzione, la capacità, spesso innata, di trasformare tutte le “sensazioni” fin qui raccolte nella forma che si ritiene più adeguata alla loro massima espressione (disegno, pittura, scultura che sia).

A mio modo di vedere le cose il processo di “creazione artistica” non può essere scomposto o forzato… è un processo naturale, a volte inconscio ai nostri occhi, che fa il suo percorso.
Di conseguenza uno solo di questi fattori presi singolarmente non possono produrre un’opera d’arte ne tanto meno un’Artista.

Fin qui ci siamo… ora però bisogna calare tutto questo nella realtà in cui viviamo, al riguardo anni fa lessi una frase che mi colpi molto:

Gli artisti sono le antenne della civiltà

Cavolo, no non sto parlando del supertelegattone, ma di persone dotate di un’estrema sensibilità e che, sulle loro spalle, si fanno carico di raccogliere gioe e dolori e sopratutto bellezze e angoscie della nostra società; E far si che queste non vadano dimenticate con il passare del tempo.

Quindi in tutto questo come posso collocare l’arte moderna che troppo spesso mi va a rappresentare gigantismi di dettagli comuni con titoli assurdi o “installazioni” che poi vanno a perdersi nella memoria di un giorno?

Purtroppo vedo in tutto quello che mi circonda un’appiattimento della creatività se non, a volte, un’annullamento di questa… tutti hanno soltanto un estremo bisogno di “apparire” per quello che non si è.

Ma i veri Artisti dove sono finiti?

2 pensieri riguardo “Che cos’è un’Artista?

  • 28 Settembre 2008 in 01:26
    Permalink

    Ok Ema, ma cosi’ torniamo sul discorso “arte concettuale”… cioè che è bello il concetto che c’è dietro ma non tanto quello che stai “osservando”.
    Alla fine stiamo parlando di “Arte da bere”…

    Se vuoi fare provacazione piuttosto fai come Oliviero Toscani che allo stesso tempo produce foto di indiscussa qualità artistica.

  • 27 Settembre 2008 in 01:16
    Permalink

    E’ vero che l’arte si sta appiattendo e sta diventando sempre più “commerciale”, oggetto *trendy* da consumare per esser parte “di quelli che contano”, però è anche vero che l’arte è qualcosa che secondo me non si può misurare o definire secondo regole o schemi.
    Un po’ come la filosofia. Giocandoci sopra potrei arrivare a dimostrarti che tu non esisti… tanto quanto dirti che quella scritta sullo specchio sia l’essenza della vita stessa.
    Ciao,
    Emanuele

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.