Le mie ultime 24 ore…

Per una serie di circostanze un pò strane, e molto anche per mia volontà, mi sono ritrovato a fare un turno in ambulanza di oltre 24 ore consecutive… sicuramente è una cosa folle… ma questo mi ha dato la possibiltà di osservare e riflettere molto sul mondo del soccorso.. :)
Inizio con dire che è stato molto piacevole, mi sono ritrovato a lavorare con svariati equipaggi dell’associazione, conoscendo meglio il modo di lavorare di ognuno.
Mi sono capitate tra le grinfie mani alcuni nuovi allievi ed è stata un’ottima occasione per fare un pò di formazione.

La cosa più bella è che ho vissuto i più svariati servizi che un soccorritore più incontrare nella sua vita, partendo dal paziente psichiatrico, passando al soccorso persona con i Vigili del Fuoco (oggi ho conosciuto i ragazzi del distaccamento di Saronno con i quali si è liberata una signora rimasta bloccata in ascensore) finendo con l’intervento di malore con supporto dell’equipe medica (Alfa 2 di Garbagnate).

Tra le miliardi di parole che si affollano in testa vorrei soffermarmi su 3 che possono riassumere il mio modo di vedere questo mondo.

Soddisfacente: Si, la provi quando ti rendi conto che sei all’aria aperta pioggia o sole che sia… o anche quella sensazione che hai nell’avere un “ruolo” utile nella società.
Emozionante: Le emozioni che si provano quando presti soccoro… sono svariate, incredibile… e anche non sempre positive… ma tutte ti fanno sentire vivo.
Gratificante: Alla sera torno a casa, mi rendo conto di aver fatto qualcosa di utile per alleviare tutta questa sofferenza intorno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.