Archive for the ‘Soccorritore’ Category

Progetto PRO.M.E.T.EO

Posted: 7th maggio 2010 by luca in Soccorritore
Tags: , ,

Ieri sera sono stato presso la centrale operativa del 118 di Milano per seguire un corso di abilitazione al progetto PROMETEO (PROgetto Milano Ecg Teletrasmesso ExtraOspedaliero), in sintesi l’obbiettivo principale del progetto consiste nel effettuare un Elettro Cardio Gramma a 12 derivazioni (ECG) entro 10 minuti dalla chiamata al 118 in tutti quei casi (con le dovute eccezioni) in cui si presenta un dolore toracico.
Questo perchè ? ovviamente per riconoscere quanto più precocemente i casi di infarto (IMASTE) per garantire una alta probabilità di sopravivvenza alla persona.

Ovviamente però io sono e rimango un soccorritore, non un operatore sanitario specializzato quindi non ho idea di che cosa vogliano dire quelle linee che compaiono sul monitor, qui entra in campo la tecnologia della teletrasmissione, infatti una volta eseguito l’ECG questo viene spedito (via GPRS) alla centrale oprativa 118 competente, dove medico ed infermiere di centrale lo valuteranno e in caso di infarto si proseguirà con l’attivazione di un ospedale adatto a questo tipo di patologia, la trasmissione a questo dell’ECG e, contemporaneamente, l’equipaggio inizierà il trasporto verso lo stesso ospedale.
Come è evidente i tempi di intervento dal momento dell’insorgenza dell’evento acuto a quello del trattamento mirato per risolverlo sono stati incredibilmente ridotti e se pensiamo al gran numero di ambulanze rispetto alle automediche/infermieristiche capiamo che questo strumento potrà salvare molto vite.

Per tornare al corso, la erata consisteva in una parte teorica dove si presentava il progetto, si spiegava il funzionamento di un ECG (in particolare del funzionamento dell’ELI10 ) e in quali casi usarlo rispetto a che casi non usarlo. La seconda parte della lezione consisteva nella pratica dell’applicazione degli elettrodi su di un paziente (se siete pelosi vi sconsiglio di fare la cavia… parlo per esperienza!) e di utilizzo di questo strumento con simulazioni di invio e quanto altro.

Il posizionamento degli elettrodi è relativamente semplice e si dividono in due fasi,la prima consiste nel collegare i 4 agli arti secondo uno schema logico che viene denominato GIRO NEVE e partendo dal polso sinistro e proseguendo in senso antiorario, ovvero:

Elettrodo GIALLO: polso sinistro
Elettrodo ROSSO: Polso destro
Elettrodo NERO: Caviglia destra
Elettrodo VERDE: Caviglia sinistra

Successivamente si passa al posizionamento di quelli toracici (o precordiali), qui c’è una sequenza che da descrivere sembra complicatissima ma quando la si esegue una volta si capisce che non è così complicata come sembra!

In pratica bisogna partire cercando il 4° spazio intercostale destro (attenti che quello sotto alla clavicola è già il 2°!!), qui si posiziona il primo elettrodo (V1), speculare sarà il V2 (quindi a sinistra!), dopo si prosegue posizionato il v4 che è sul 5° spazio intercostale sulla linea che parte dalla metà della clavicola, si traccia una retta il V2 e il V4 e a metà di questa retta si posiziona il V3, il V6 verrà posizionato sull’incrocio delle linee ascellare media e la retta che passa per il V4 e scende lungo il lato sinistro e per ultimo il V5 che va a metà della retta che passa tra il V4 e il V6.

I più attenti avranno notato che sono stati collegati solo 10 elettrodi eppure si parlava di 12 derivazioni!
Bhe si è vero ma la faccenda si fa un pò complicata da spiegare: difatto le derivazioni periferiche sono 3 (su 4 fili) e che ne creano altre 3 virtuali (che calcolano il differenziale elettrico tra periferia e cuore), per approfondire questa dettaglio consiglio di cercare su google Triangolo di Einthoven.

Per concludere: devo ammettere che sono contento di aver avuto questa nuova occasione, vedremo quando la metterò in pratica sul campo.

Oggi, presso la sala incontri dell’oratorio San Francesco di Cesate villaggio, è iniziato il nuovo corso di primo soccorso rivolto a futuri operatori di ambulanza… ovviamente visto che sono istruttore presso la Croce Viola di Cesate è stato mio compito partecipare alla apertura dei lavori, e mio è stato anche il compito di dare il benvenuto agli iscritti (siamo attorno alle 50 persone), presentare il corso… il tutto è andato bene, purtroppo c’è stato qualche problema con l’impianto audio, ma ora che ho capito il problema non si dovrebbe più presentare… in compenso il nostro direttore sanitario, il dott. Spimpolo, per sbaglio si è portato via la mia cartelletta con tutte le iscrizioni oltre che registri e materiale vario.. mannaggia…

Ogni volta sono tesissimo quando devo parlare a persone che non conosco…ora sono veramente stanco.. vado a nanna contento.

Buona notte! 🙂

Alcuni scatti fatti tra un intervento e l’altro in questa estate lavorativa…. faticoso ma  è stata una bella esperienza!
Ho conosciuto tante persone nuove, luoggi e modi di lavorare diversi… ma per ora mi fermo qui a raccontare 🙂

Forse non tutti sanno che non mi capita spesso di andare in ferie ad agosto, anzi negli ultimi anni non ci sono andato proprio.. principalmente perchè non amo i posti affollati, ritrovarmi a fare code kilometriche e sclerare per nulla… pure in ferie!

La differenza rispetto agli scorsi anni e che questo ho deciso di trascorrerlo in maniera più furba, aprofittare del minor carico di lavoro in azienda e arrotondare lo stipendio facendo un secondo lavoro… ovviamene cosa potevo fare che non sia in conflitto con gli interessi della mia azienda?
Il soccorritore 🙂

Ebbene si, ho messo a frutto gli anni di esperienza soccorritore del 118Milano in croce viola a cesate per dare supporto a Rho Soccorso nella copertura delle loro due convenzioni..
Un pò l’idea mi spaventa lo ammetto, sei li’ con tanta gente che non conosci, lavorano in modo diverso, ritmi diversi… etc etc… però sicuramente mi darà un qualcosa in più questo incontro…
Per ora è andata bene, ho fatto solo due turni con 1 sola uscita (un codice verde tra l’altro, nulla di grave)… vedremo sabato che ho il prossimo turno! : )

firefighter-engine12

ambulance

Notevoli, mi dispiace che la foto dell’engine 12 sia stata fatta di corsa con il cellulare, ma non escludo di andare a vedere la caserma tanto è qui vicino!

Dialoghi impossibili…

Posted: 3rd maggio 2009 by luca in me?!, Soccorritore
Tags: , ,

Appena sceso dall’ambulanza:

Ale <memi , ma tu hai la macchina?>
Io <no …>
Ale <ah ecco perchè non ti ho mai visto in giro in macchina! quindi non hai la patente no?>
Io <Ale… ma chi diavolo stava guidando l’ambulanza fino a poco fa?!>
Ale <ah … ops…>

incidente_interno

p.s.: ho aggiunto altre foto di questa sessione qui

Terremoto_abruzzo
A firefighter comforts a colleague near a collapse building in Aquila
April 6, 2009. A powerful earthquake struck a huge swathe of central Italy as residents slept on Monday morning, killing at least 27 people when houses, churches and other buildings collapsed.  REUTERS/Alessandro Bianchi
_
In questi giorni sono stato molto attento alle notizie provenienti dai giornali e televisioni riguardo a questo disastro, alle prime notizie subito ho ripercorso la mia breve vita e mi sono ricordato del terremoto avvenuto nel 97 (credo) nelle marche-umbria.
Ma basta sfogliare un libro di storia dell’ultimo secolo per apprendere che l’Italia, sopratutto quella centro meridionale, è una zona fortemente sismica (abbiamo anche qualche vulcano in attività), ma perchè non impariamo dalla storia?
Perchè alcuni individui, palazzinari o se preferiamo mafiosi, pensano solo alla logica del profitto?
Com’è possibile che un’ospedale di recente costruzione in un’area notoriamente sismica si sia afflosciato manco fosse un castello di carte da gioco?!
Adesso da tutti gli schieramenti politici si alzeranno (o si stanno già alzando) cori di indignazione verso questi piccoli scandali… mi domando, ma 300 morti erano proprio necessari per capirlo? e ancora, quanto dureranno questi cori?
Probabilmente fino a quando questa tragedia sarà rimossa dalla mente delle persone, fino a quando torneremo a credere che un terremoto e un evento da “paese del 3° mondo in un paese civile queste  cose non succedono”.
Un pensiero a tutti i miei colleghi soccorritori che stanno facendo un lavoro immenso e fantastico, nonostante le difficoltà tecniche e la mancanza di mezzi adeguati (quanti Fiat OM 90 si sono visti in viaggio in questi giorni? com’è possibile che dei corpi fondamentali come quelli del soccorso ci ricordiamo solo quando ne abbiamo bisogno come in questi, disperati, casi? al riguardo c’è questo interessante articolo apparso sul corriere.it).
Alla fine quello che fa la differenza e lo spirito di sacrificio e abnegazione che, mai come in questi momenti, ci contraddistingue.. uno stato vero dentro uno finto.
Riguardo alle domande fattemi da molti, la mia partenza non è ancora stata programmata, come soccorritore la richiesta verso la mia associazione non è stata eccessiva, quindi si sta facendo un piano di partenze programmate per distribuire le risorse in maniera ottimale… visto che i campi rimarranno a lungo e una ricostruzione non è mai una cosa che si fa dall’oggi al domani.
Vedremo nelle prossime settimane se e quando sarà chiamato… come sempre se c’è da lavorare seriamente io ci sono!

sangue

Posted: 3rd marzo 2009 by luca in me?!, Soccorritore
Tags: , , ,

In questi giorni mi sento un pò come Dexter, il sangue è stata una componente fondamentale di queste giornatei.

Non è che mi disturbi la sua vista, anzi, mi stupisco e mi affascino ogni volta del suo colore rosso intenso… :bho:

Tra l’altro ieri sera ne ho fatto un quadro, appena si asciuga lo pubblico…

update 3/3/09 – Un piccolo shot fatto al volo con la webcamla_prima

Lunedì sera è ripreso il corso di primo soccorso in croce viola e la prima lezione era sulla figura del soccorritore..
Causa assenza dell’altro istruttore (come spesso accade mannaggia!) l’ho tenuta io…
Non era nulla di tecnico o di medico ma soltanto una presentazione del soccorritore in relazione agli altri (paziente di qualunque tipo, altri soccorritori , vvf, forze dell’ordine o semplici astanti)… insomma una serie di disquisizione proprio sulla figura del soccorso che si possono ricollegare a questo mio vecchio post

Devo essere sincero ma ne sono uscito soddisfatto di come è venuta la lezione… e pare sia pure piaciuta… 😀