11/9

Una delle foto più controverse dell’11 settembre 2001.


Fu scattata da Thomas Hoepker, fotografo della prestigiosa agenzia Magnum, a Brooklyn. Ritrae quelli che appaiono come cinque ragazzi spensierati in pausa pranzo, sullo sfondo le Twin Towers in fiamme. L’autore non volle pubblicarla assieme alle altre dell’agenzia a ridosso dell’evento, ed aspettò 5 anni prima di pubblicarla (in un libro fotografico di David Friend, che scrisse che l’autore si era “autocensutato”) per paura che fosse considerata offensiva, nel clima di enorme patriottismo che si era creato in USA subito dopo l’11 settembre.
L’interpretazione della foto scatenò, nei giorni successivi, una polemica poiché l’immagine mostrava in modo impietoso la capacità umana di rimanere insensibili davanti a una tragedia di quelle proporzioni.
Nella discussione si inserì anche Walter Sipser, che si identificò come una delle cinque persone ritratte, quella più a destra nella foto. Disse che si trovava lì con la sua ragazza e che stava discutendo di quanto stavano vedendo con alcuni perfetti sconosciuti, uniti solo dall’essere spettatori della tragedia. Lui, come la sua ragazza, erano sconvolti e profondamente impressionati da quanto stavano vedendo.
Una foto bella e terribile, che a me fa pensare alle ricorrenti reazioni di noi spettatori del mondo occidentale di quelle che appaiono, e che di fatto sono, immani tragedie, che osserviamo al sicuro, che sia davanti ad uno schermo, o sull’altra riva dell’East River.

– Mirella Ponte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.