Essere la moglie di un pompiere

da “Vigili del Fuoco per passione

Mio marito è un pompiere, lo sapete.
Toglietevi dalla testa fantasie tipo: uomini bellissimi e muscolosissimi che fanno su e giù per i pali. Ne conosco tanti di pompieri e per lo più sono panzoni (uso le parole di Brunetta ;)) per nulla attraenti, uomini normalissimi, molti avanti con l’età ( si perchè qui rimani pompiere operativo fino ai 65 anni, in altri paesi giustamente vengono messi a riposo ben prima…) ovvero over 50, e quelli che fanno parte dell’immaginario femminile sono veramente pochi e bastano le dita di una sola mano per contarli.

Sicuramente sono uomini forti, coraggiosi e soprattutto generosi, mossi da una passione sovraumana perchè se mio padre dice che marinaio ci nasci, vi assicuro che per fare il pompiere devi essere predestinato. Occorrono doti e qualità eccezionali che non si trovano facilmente.

La loro paga fa schifo. In una settimana collezionano circa 40 ore di servizio e lo stipendio di un pompiere con 12 anni di servizio equivale a quello base con anzianità zero di un insegnante che di ore ne fa 18 più tot. Io sono laureta ok, lui no, ma lui quando va a lavorare non sa mai se torna… io cosa rischio? Una penna in un occhio?
Hanno molto tempo libero, è vero. Con i turni da 12 ore in pratica lavora 2 giorni e una notte a settimana, ma le 24 ore che hanno di riposo dopo un turno da 12 a volte non bastano per rimettersi in sesto…

Non prendono la reperibilità, ma sono sempre allerta, pronti ad entrare in servizio se occorre… vi sembra giusto?

Quando succede qualcosa, come il terremoto, partono all’istante: mio marito ha una sacca sempre pronta con quello che gli serve per stare via una settimana. Naturalmente poi i soldi li vedono dopo mesi e mesi… per esempio mio marito non ha ancora visto un centesimo per quando è stato all’Aquila ad Aprile. Vorrei vedere se Bertolaso & C. prendono lo stipendio subito o dopo 9 mesi e soprattutto dopo quando e quanto gli pagano gli straordinari…

Se succede qualcosa di grave raddoppiano i turni 24 ore dentro 12 di riposo. Stasera è accaduto questo: i boschi bruciano, manca personale perchè molti ancora si avvicendano a L’Aquila, gli organici sono veramente ridotti al minimo (ricordate la polemica di Viareggio quando a qualche tg per sbaglio dissero che per vigilare sul territorio della Versilia c’erano solo 6 uomini? In una provincia come Dite penso che ci siano solo 3 squadre da 5 e 3 squadre da 3 pompieri ogni giorno, non di più) e quindi occorre fare turni veramente massacranti.

Domani avevamo un battesimo, ci eravamo organizzati il week end ma visto che i boschi bruciano e a quanto pare un aereo dovrebbe essere precipitato in mare, ma nessuno ha ancora battuto la notizia, hanno istituito le 24 ore e io ora mi trovo sola a dover ripensare a tutto il fine settimana. Domani dovrò andare al Battesimo da sola con mio suocero, dovrò fare i salti mortali per andare a dare da mangiare al mio gatto dato che i miei non sono a casa, e lunedì dovrò fare i salti mortali con avvitamento perchè Vic inizia a mangiare all’asilo ed esce alle 12 e 30 ed è anche il primo giorno di scuola.

I boschi continuano a bruciare, l’odore si sente fino in città, ho la casa che sa di caminetto e quando scende la sera tutta la città si riempie di odore e fumo tanto che non vedo neanche il campanile dal balcone.

A volte essere la moglie di un vigile del fuoco è davvero difficile, non puoi mai sapere se quello che hai pensato di fare potrai farlo, non sai mai cosa può succedere. Quante volte mi ha telefonato dall’ospedale: con una caviglia slogata, con una gamba schiacciata, con schegge in ogni dove, con dita rotte… per fortuna mai nulla di grave, ma è un mestiere davvero pericoloso.

Dopo l’undici settembre sembrava che qualcosa dovesse cambiare, ma si fa presto a dimenticare gli eroi, specialmente se sono persone comuni, persone che entrano in un edificio pericolante solo per dedizione e non per gloria. Lo sapete il mondo non è degli umili. Eppure loro sono sempre lì: ad aprire un ascensore, a spengere l’incendio, a salvare le persone e poi nel momento del bisogno tutti li acclamano e nel momento di concretizzare tutto si risolve in una bolla di sapone.

Scusate lo sfogo, ma mi scoccia stare sola a casa per 24 ore perchè uno stupido si diverte a dare fuoco ad un bosco…. e domani vedere al tg solo la forestale oppure solo la protezione civile, loro li dimenticano sempre, sì perchè non hanno tempo di farsi intervistre visto che stanno lavorando!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.