Cyberwar

Faceva caldo, la notte che bruciammo Chrome. Nei viali e nelle piazze le falene sbattevano fino a morire contro le luci al neon, ma nella mansarda di Bobby l’unica luce era quella del monitor

La notte che bruciammo Chrome – William Gibson

Oggi in pausa pranzo sono rimasto affascinato da questo articolo apparso su corriere:

E il Pentagono crea una cyber city per difendersi dagli attacchi hacker

(leggi tutto)

Ovviamente l’articolo è scritto da un giornalista Italiano, quindi sarà molto approsimativo, però quello che mi interessa è la notizia in sè…si perché questi scenari sono stati argomento di dibattito da “bar” con alcuni amici e insomma… credo di aver sbagliato paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.